Lago di Kaindy, sui rilievi di Alatau, Tien Shan, Kazakhstan

Lago di Kaindy, sui rilievi di Alatau, Tien Shan, Kazakhstan. Asia centrale

Foto di Zhanara Kali

Se vi trovate a visitare i laghi di Kolsai, con una breve deviazione, potrete ammirare anche il lago di Kaindy, famoso per la sua foresta immersa nelle acque. Le indicazioni stradali sono le seguenti: da Almaty prendete la strada per Chilik (120 km dalla città) verso Kegen-Narynkol. Dopo 70 km da Chilik, sulla destra trovate le indicazioni per Zhalanash, proseguite fino al villaggio Sati (dove potete anche pernottare) e un chilometro oltre troverete un cimitero. Girate lì sulla destra e proseguite per altri 15 km sulla strada dissestata fino all’entrata del parco. Una macchina 4×4 è necessaria. Non ci sono indicazioni stradali, quindi fate bene attenzione che la strada coincida con la descrizione data. Da Almaty ci sono tour operator che organizzano gite di tre giorni per Kolsai lakes e Kaindy lake, ma si necessita un minimo di partecipanti. Un’altra opzione è quella di andare in taxi 4×4, tuttavia, vista la spesa, a questo punto conviene noleggiare un auto già ad Almaty.

Foto di Milla Krivdina

Creato nel 1911 a seguito di un improvviso terremoto che con un’enorme frana ha bloccato il corso del torrente sul Kungey Alatau all’altezza di 2000 metri, il lago di Kaindy colpisce per la sua atmosfera sinistra e glaciale. Gli abeti che si trovavano sul luogo sono stati sommersi in breve tempo e si trovano tutt’ora lì, tronchi spogli verso il cielo, spettri muti della potenza della natura. Sott’acqua gli aghi sono rimasti intatti a causa delle temperature sottozero, come ibernati. Grazie alla limpidezza del lago è possibile ammirare il fenomeno anche da riva. Se siete subacquei potete effettuare immersioni, se ben equipaggiati; la temperatura delle acque resta gelida anche in estate! La profondità del lago si aggira sui 30 metri. Oltre alla pesca, si possono ammirare le specie della fauna locale, tra cui capre di montagna siberiane, lepri, volpi, fagiani, cervi, cinghiali, anatre, oche e altro.

SUGGERIMENTI

Foto di Zhanara Kali

Come per i laghi Kolsai, se viaggiate da soli vi consiglio di pernottare nel villaggio di Sati. Vale il contatto di Elchebai, che non parla inglese, al numero +7 72777 27718. Potete organizzare il pernottamento anche tramite gli eco-turismi ad Almaty. Ricordo ancora i deliziosi manti cucinati dalla ospitale moglie, il freddo che colpisce non appena cala il sole e la più naturale sauna che abbia mai fatto in vita mia (i particolari li svelerete solo con la visita). Attenzione tra maggio e giugno alle zecche: sono numerose e aggressive. Portatevi dietro farmaci appositi.

Indicazioni su Google Map: vedi qui 

2 pensieri riguardo “Lago di Kaindy, sui rilievi di Alatau, Tien Shan, Kazakhstan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *